Shop

Maschera Gialla (I fumi della ragione)
Maschera Gialla (I fumi della ragione)
25 Gennaio 2024
jazz in the beach 1 di giò cofano
Jazz in the beach 1 di Giò Cofano
25 Gennaio 2024

Il Verso

8.650,00

Categoria:
Enza Mastria Ritratto

Descrizione

­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­Forse che il verso è un’invenzione per il Ritorno, l’Oblio non è dimenticanza, ma sintesi di esperienza: non perdersi, non spaventarsi di quella danza intorno al buco nero, non ci può Essere alcun figlio che salva da quella libertà del fare, o del danzare. Non porre più quesiti sull’Assurdo! Tornare invece, aggrapparsi ancora alla terra, con pazienza, costruire su un filo, negare l’incommensurabile, almeno percorrerne il cammino sul filo del contrario, Aiutare l’Esistere, Amare anche il fondo di una rapa.

Materiale e tecnica

Acrilico, olio, sabbia, stucco, filo di ottone su tela.

 

Dimensioni 

L:100 cm

H: 150 cm

 

Anno 2005

 

Pezzo Unico

 

Realizzato in Italia

 

Segui Fine Aptitude sui canali social per restare sempre aggiornato Facebook, Instagram, Linkedin, Youtube

Note sull’Artista

Uno sguardo fiero, che dice tutto.

Essere e Tempo, Natura come culla, equilibrio fra le forme, i ricordi infantili, le radici, i contrari che si annullano, il vortice dei colori: l’Arte è lo stemperarsi di ritmi interiori, un gioco nella vertigine degli opposti, sulle note di una filastrocca eterna.

Ma la creazione è anche Tekné, non ha solo un valore intellettuale.

Pittrice, scultrice, designer di arredo urbano, le sue tele sono un viaggio infinito “in cammino verso il linguaggio”. Una riflessione che parte sempre da un’esperienza e che contiene alcuni pezzi del suo racconto personale, per cercare attraverso i pennelli, i materiali, le forme e i cromatismi, la strada che si può fare. Il tocco delle setole è l’enunciazione di un poema inespresso, quello che ogni artista custodisce nella sua anima.“Perché dipingo? Per misurarmi come fa lo sportivo: è una sfida. Ciò che conta, però, non è vincere, ma avere l’occasione privilegiata per una ricerca oggettiva delle dinamiche esistenti fra forza e fragilità”.